CRIBLEUSES DE BLÉ
par Gustave Courbet
1855

131 x 167 cm



      L’opera fu esposta al Salon del 1855.
      Nella fanciulla che vaglia il grano si riconosce Zoé, la sorella del pittore.
      La Toussaint (1977) propone inoltre di identificare in Juliette, la fanciulla seduta, e in Desiré Binet, il figlio illegittimo di Courbet, il bambino che apre la madia.
      Si tratta di una delle scene di vita contadina il cui l’artista più si avvicina a Millet. Contro un fondo giallo paglia, la setacciatrice voltata di spalle diventa il fulcro attorno al quale ruota tutta la composizione. Courbet le ha dato un ritmo e una vitalità sorprendenti, trasformandola in una specie di ballerina con un tamburello.
      Il dipinto fu tradotto in caricatura da Cham in Le Charivari.